domenica 9 luglio 2017

Calcio, Gigi Meroni, Laurent Obertone

Sono passato da Como e in questi giorni e mi rammarico parecchio del fallimento della società calcistica, anche se sono un tifoso del Lecco. Per uno come me, da ragazzino, era facile sognare di finire per giocare a calcio a Lecco o a Como. 

Con questo calcio ormai fatto di solo affari, sponsor, pubblicità, grandi società, sceicchi, sorelle/mogli/figli/fratelli di calciatori, procuratori non ho niente a che fare. Ed è anche per questo che ho smesso di giocare a calcio.

Poi ci sono calciatori come Gigi Meroni, che a Como ci è nato.
Che sono di un'altra razza.
Di un altro cuore.
Di un talento sovrumano.

Un calciatore straordinario, fuori dalle righe. Oggi su LaVerità ci ha scritto attorno un bellissimo pezzo Cesare Lanza ma Gigi è impossibile da circoscrivere, trattenere in un pezzo, lui era uno uomo straordinario. 

Guardate questo goal fatto all'Inter...quando lo guardo, io mi commuovo: 


.......



Non ho ancora capito se questo romanzo di  Laurent Obertone meriti di essere letto oppure no. 
Lo scoprirò a breve.

.....

Sono uscito dal lavoro intontito.
Instupidito.
Sudato.
Stanco.
Sporco.
Sono tornato a casa e ho pianto.
Ho bevuto birra di qualità che ha lo stesso sapore di quella da 5 centesimi.
Piscio.
Poi, uscito per spostare l'auto, nel fiume ho visto un cane che assopito inseguiva un'anatra
Lo faceva per gioco.
E ho sorriso.
Anche l'anatra giocava.

Nessun commento:

Posta un commento